Ascuta ca cuntu e senti chi dicu – Il 24 febbraio allo “Sciascia” di Aci Bonaccorsi

ALFIO PATTI copia webAscuta ca cuntu e senti cchi dicu

“Munnu ha statu e munnu è” Nevveru? / Vuatri u sapiti e pirchissu ni futtiti. // Ci vulussi na bbona orazioni: / “Tagghiu purpu e tagghiu vinata / tagghiu ’sta vina nsanguinata”. // Ma ccu sti cunsunti nenti ci po’. / Non sulu! // Vittimi e carnefici / ficiru società / e i pueti arristaru fora./
(Orfanu – da: “Cca sugnu”).

Produzione Teatro degli Specchi
Info e prenotazioni
095-7899486; 347-1827334; 339-5224107
Costo biglietto 10,00 Euro

http://www.teatrodeglispecchi.it

Cuntare e cantare sono due discipline artistiche distinte e separate ma se messe insieme riescono a creare una sorta di magia capace di rendere il “reale” immaginario e indurci a immaginare una possibile realtà. Quale realtà stiamo vivendo oggi?
“Ci hanno svenduto il passato, ipotecato il futuro e ci stanno facendo vivere un presente pieno di fatica e odio”.

Dunque, “cchi vuliti ca vi cuntu,  / vistu ca vittimi e carnefici ficiru paci / e s’â pigghiaru ch’i pueti?”

La Giustizia è l’argomento di cui si parla spesso, oggi come ieri .
In Sicilia, la parola “giustizia” assume un significato particolare. Soprattutto per il popolo siciliano è stata sempre un miraggio, una chimera, un’utopia.
Da qui la rassegnazione, soprattutto del popolo, nel rinunciare a vedere la sua realizzazione. La Rassegnazione come forma per sopravvivere alla durezza del suolo di Sicilia; alla durezza della vita stessa.

Il popolo, quindi, ha trovato in Cristo il proprio rifugio. Non c’è poesia d’amore, di lotta, di lamento o di protesta che non faccia riferimento a Cristo, come a dire “cumpagnu a dolu gran cunsolu” e “se il figlio di Dio, l’unto, Cristòs, ha patito quel che ha patito” – pensa il contadino -, figuriamoci noi poveri peccatori.
Questo tipo di rassegnazione ha fatto nascere motti come “Spissu s’hannu a vasari ’i manu a cu’ si merita tagghiati”, oppure “Quannu tira ventu fatti canna”, “Quannu vinciri nun si po’ si cerca la paci” o ancora “Munnu ha statu e munnu è”: pazzesco!
Questa di “Munnu ha statu e munnu è” è una concezione che non ha mai permesso di cambiare le cose ma è vero anche che mai frase è stata così vera, perché di fatto, in Sicilia, non cambia mai nulla.
Può, allora, la parola e la poesia e il canto incidere sulle coscienze delle persone? Può la poesia cambiare le cose? I poeti ci sperano, esiliati come sono nell’isola di “Poèsia” e sanno che i Governi hanno paura di loro (si vedano Lorca e Pasolini); i poeti sanno di non possedere né bome né cannoni, sanno, di certo, di possedere l’unica arma del nostro Tempo: la parola.

Aci Bonaccorsi – 24 Febbraio, ore 19,00 – Teatro “Sciascia”.

Informazioni su alfio patti

Poeta, aedo e cantore di Sicilia. Studioso della lingua e della cultura siciliana
Questa voce è stata pubblicata in libri. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Ascuta ca cuntu e senti chi dicu – Il 24 febbraio allo “Sciascia” di Aci Bonaccorsi

  1. Senzio Mazza ha detto:

    ‘Sti santi palori ca tu dici restunu santi, Ma cu’ li scuta? La me’ testa di vècchiu cunfunnutu mi ripeti spissu ca la Sicilia è senza futuru e senza spiranza.

    • alfio patti ha detto:

      Grazie Senzio, pur sapendo che molte cose possano risultare vane, le facciamo lo stesso, facendo finta di credere che possano cambiare veramente le cose; forse a forza di sperarci, chissà?… T’abbrazzu.

  2. Alessia e Michela Orlando ha detto:

    Grandioso. Grandioso. Grandioso… tono a salire, salire, salire per invadere il cielo sul mondo di Alfio Patti sull’isola di “poèsia”. Alessia e Michela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...