Cchiù luntanu di na stidda, nuova silloge di Francesca Privitera

Copertina libroLa Biblioteca C.C. “Rosario Livatino”, in collaborazione con il Centro Culturale “Vincenzo Paternò Tedeschi”, propone per Mercoledì 6 Novembre 2013, ore 17, nell’ambito della rassegna “Un pomeriggio con l’Autore”, la presentazione della Silloge: “Cchiù luntanu di na stidda”, di Francesca Privitera edita dall’Associazione Radiusu Edizioni
Relatori: Dott. Alfio Patti e Dott. Santo Privitera

«Ironica, mordace, comica, sentimentale, pratica e romantica, Francesca Privitera ci richiama altri autori catanesi che hanno arricchito la letteratura isolana. Ci vengono alla mente poeti come Nino Joppolo, Ciccio Buccheri di Boley, Giovanni Bari, Santo Jacona, l’acese Puddu Marcellino e, pur non volendo fare paragoni illustri, il belpassese Nino Martoglio e il suo compaesano Salvatore Zerbo.
Il richiamo a questi autori nasce spontaneo perché la nostra autrice possiede lo stesso piglio; l’estemporaneità e l’uso facoltativo di una grammatica e una metrica che fanno capolino tra una koinè siciliana, usata per secoli da una poesia colta, e un vernacolo capace di cogliere tutte le sfumature gergali e popolari di una Catania ancora esistente nei suoi vicoli e nei suoi anfratti.» (dalla prefazione di Alfio Patti)

Francesca Privitera posa davanti un suo quadro

Francesca Privitera posa davanti ad un suo quadro

Questa voce è stata pubblicata in eventi, libri, poesia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...